La stanchezza democratica

 

di Riccardo Terzi

Il dato più saliente che emerge dalle ultime elezioni regionali è la crescente ‘stanchezza’ con cui viene vissuta l’esperienza democratica.
L’indice più signi cativo di questo fenomeno è quello dell’astensionismo, che ha avuto un’ulteriore impennata e che ormai non può più essere consi- derato come un dato siologico, come un inevitabile sottofondo di passività, ma acquista, per la sua ampiezza, un signi cato politico che deve essere attentamente interpretato.

L’argomento consolatorio, più volte invocato, in base al quale non c’è nes- suna particolare anomalia italiana, essendo questa la tendenza prevalente in tutte le grandi democrazie del’Occidente, non fa che spostare il problema su una scala più ampia, ed esso dimostra quindi solo che la crisi della democra- zia è più profonda e più penetrante rispetto alla nostra comune percezione. Prendiamo il caso della Francia: possiamo davvero esultare per quel risulta- to, lasciando nell’ombra il fatto allarmante che metà del corpo elettorale non ha partecipato al voto? Se si vince così, di quale vittoria stiamo parlando? A questo punto, dobbiamo sapere che non c’è solo la competizione tra destra e sinistra, ma a questa si sovrappone una competizione ancor più radicale tra politica e antipolitica, tra la democrazia e la sua negazione. L’astensionismo è solo un aspetto, un indice parziale, al di là del quale si può registrare una più diffusa disaffezione verso la politica anche tra gli elettori, di destra o di sinistra, per molti dei quali il processo democratico è solo un rituale svuota-

to di senso, che non produce partecipazione reale e responsabilità, perché tutto il gioco politico è manipolato ed è nelle mani di ristrettissimi gruppi di potere. E si tratta di una sensazione non infondata, perché tutte le stra- ordinarie innovazioni della ‘Seconda Repubblica’ hanno avuto l’effetto di verticalizzare la politica, di spostarla in un ambito che è sottratto alla libera decisione dei cittadini, fatto per cui ciò che oggi si realizza non è più un meccanismo di «rappresentanza», ma è solo una delega duciaria, senza nessuna possibilità di controllo.

E spesso c’è solo l’automatismo di un gesto di appartenenza, di cui si è per- duto il signi cato. La legge elettorale è del tutto funzionale a questo esito di spoliticizzazione, con le liste bloccate, col premio di maggioranza, con l’ingessatura forzata di tutto il sistema politico in un bipolarismo imposto dall’alto. Il processo democratico, che è il movimento dal basso di legitti- mazione del potere, è stato rovesciato nel suo opposto, in un processo che è sempre e solo di vertice. E allora non può stupire che si allarghi l’area della passività e del ri uto. Questo esito è il frutto di precise scelte politi- che, di una linea consapevole che ha puntato sulla sempli cazione e sulla personalizzazione del potere, restringendo tutta la competizione politica nella designazione plebiscitaria del leader. Intorno al mito della democrazia maggioritaria e bipolare si è formata una vera e propria casta sacerdotale, severissima nel condannare come eresia ogni minimo scostamento da quel modello. Ma forse è giunto il momento di dire, semplicemente, che la vo- cazione maggioritaria è solo un altro modo per dire vocazione autoritaria, perché quel modello non è compatibile con una democrazia partecipata.

È evidente che il problema non sta tutto nei meccanismi istituzionali, i quali possono solo assecondare un determinato processo politico, ma non ne sono mai il fattore determinante. La crisi della democrazia, ne abbiamo già parla- to in precedenti occasioni, ha cause più profonde, politiche e sociali, e non se ne esce con qualche espediente istituzionale. Possiamo sì mettere mano alla legge elettorale, ed è ragionevole farlo, ma la voragine che si è aperta nel nostro sistema democratico non sarà per questo riassorbita, perché ciò che è in gioco non è la forma della democrazia, ma la sua sostanza, il valore e il signi cato della politica. E allora la domanda, semplice e radicale, è la seguente: a che cosa serve la politica? A questa domanda non è agevole ri- spondere, e in questa problematicità della risposta si inseriscono le diverse suggestioni dell’antipolitica. Se la politica può essere de nita come l’azione collettiva in vista di un ne, essa entra in crisi o per la dissoluzione della dimensione collettiva o per il venir meno della sua nalità. Ed entrambi questi fenomeni sono oggi presenti. Da un lato, c’è il processo di individua- lizzazione, per cui il tessuto sociale non è più strutturato per grandi blocchi collettivi, ma si frastaglia in tante reti molecolari, e allora il soggetto è guida- to solo da ragioni private, o di gruppo, che restano comunque al di qua della dimensione politica. L’antipolitica, in questo caso, si presenta sotto la forma dell’autonomia della società civile: non abbiamo bisogno della politica per- ché ci autoregoliamo, e perché il nostro orizzonte è solo quello individuale e non abbiamo bisogno d’altro che della nostra libertà di scelta.

La politica è solo un’interferenza estranea di cui ci dobbiamo liberare. Su un altro versante, c’è un movimento rovesciato rispetto a quello dell’indivi- dualizzazione, ed esso consiste nella ricerca ansiosa di una qualche ragione a cui ricondurre la propria vita individuale, di un trascendimento della sfera privata, di una meta, quindi, su cui convogliare tutti i nostri sforzi sogget- tivi. L’accento viene così a cadere non sull’individuo, ma sulla comunità, sull’appartenenza, sulla condivisione di un destino o di una fede. Ora, an-

che questo movimento entra in collisione con la politica, perché essa, nelle attuali condizioni, non offre nessuna risposta a questo bisogno di identità e di comunità. e si ritaglia solo lo spazio dell’amministrazione, della gestione dell’esistente.

In questo caso, prende forma un’antipolitica che è un voler andare oltre la politica, oltre i suoi limiti e la sua mediocrità, per poter attingere a qualcosa di più sostanziale, che dia un fondamento alla nostra vita. La politica viene intaccata sui due lati, ed essa appare essere o troppo o troppo poco, o un’in- vadenza nel privato, o la rinuncia a un progetto di più largo respiro.

È l’azione congiunta di questi due processi che crea intorno alla politica una vasta area di freddezza e di dif denza. E può anche accadere che i due mo- vimenti dell’antipolitica, quello individualistico e quello comunitario, diano luogo a una convergenza, a un intreccio, che insieme convivano: ripiega- mento nel privato e bisogno di identità, domanda di autonomia e domanda di appartenenza. Il fenomeno dell’antipolitica è quindi complesso, multifor- me, e può prendere le più svariate direzioni.

La «stanchezza democratica» che accomuna queste diverse tipologie, que- ste diverse situazioni esistenziali, dipende essenzialmente dal fatto che la politica non sembra neppure accorgersi del problema, e parla d’altro, e sta su una diversa lunghezza d’onda, lontana dalla vita concreta delle persone. In questo panorama accidentato, c’è solo la Lega che sembra muoversi in controtendenza. L’elettorato leghista è l’unico motivato, mobilitato, sicuro di sé, perché sente di essere entrato in un movimento ascendente, di essere proiettato verso nuove conquiste, di avere in mano le carte decisive per il futuro del Paese.

Per opporre alla Lega una ef cace linea di contrasto, per non essere travol- ti dalla sua ondata espansiva, che già si sta allargando anche nelle regioni del centro, è indispensabile, in via preliminare, un’analisi attenta e rigorosa delle tendenze in atto. Non si può combattere nessuna battaglia se non c’è una comprensione delle forze in campo. È un’antica regola: vince solo chi ha una superiore comprensione della realtà, e sa quindi riassorbire nella sua prospettiva anche le ragioni dell’avversario. In altri termini, vince chi sa costruire una posizione di egemonia. Dobbiamo quindi partire da questa domanda: qual è la chiave del successo dell’operazione politica della Lega? A mio giudizio, la Lega ha capito più di altri che anche in una società indivi- dualizzata c’è un bisogno di identità, di comunità, di appartenenza.

Mentre imperversava l’ansia di sbarazzarsi delle vecchie ideologie novecen- tesche, mentre tutti sembravano convergere nell’idea che modernizzazio- ne signi ca razionalità pragmatica e superamento dei miti e delle utopie, la Lega ha fatto l’operazione opposta, ha investito sul mito e ha offerto a una società di individui spaesati il surrogato di una ideologia primitiva ma ef cace. Ha saputo così incanalare gli umori e i rancori di questa nostra umanità dissociata in una rappresentazione collettiva, in una narrazione che racconta non solo dell’«io», ma del «noi», del nostro essere parte di una sto- ria comune. In questa costruzione ideologica si tengono insieme individuo e comunità, politica e antipolitica, si tengono insieme perché sono ssate le linee del con itto, e c’è un nemico su cui si scarica tutto il deposito delle nostre aggressività, e il nemico è tutto ciò che sta fuori dai nostri con ni, dalla nostra tradizione. Il militante leghista non si sente isolato, ma è parte di una massa, la quale si costituisce nello scontro, nella guerra contro un nemico, non importa se reale o immaginario. I con ni di questo con itto sono nebulosi e cangianti: il Nord contro il Sud, la secessione contro l’unità nazionale, il federalismo contro il centralismo, gli indigeni contro gli stranie-

ri, l’identità cristiana contro il multiculturalismo, il lavoro produttivo contro la grande nanza. Ciò che conta, in tutte queste diverse possibili versioni, è il sentirsi coinvolti in un combattimento, in una sacra crociata, e proprio perciò ci si mette nelle mani del comandante supremo, senza spirito critico, perché questa è la regola della guerra, e la democrazia è solo il rifugio degli smidollati.

C’è tutta una psicologia guerresca che tiene insieme il movimento, il quale ha bisogno continuamente di essere alimentato con dosi massicce di aggres- sività. E ora il fulcro dell’aggressione sembra essersi concentrato sull’im- migrazione, vista come l’ondata barbarica che travolge le nostre tradizioni. La Lega, in questo senso, è un pezzo di medioevo che sta all’interno della nostra società modernizzata e secolarizzata, è un arcaismo che s da la nostra modernità e la colpisce nei suoi punti deboli, nelle sue fragilità.

Anche in altri contesti c’è un analogo fenomeno di ritorno al passato, con il riemergere degli odi nazionali, o delle sette religiose, o dei movimenti razzisti. È tutta la civiltà moderna, costruita sui principi di libertà e di egua- glianza, che è messa sotto accusa. Non dobbiamo perciò sottovalutare la forza corrosiva della Lega, il fatto che essa non è un momento del confronto democratico, ma è la negazione, in radice, della logica democratica, perché a essa sostituisce una diversa e opposta logica, quella di una comunità chiusa ed esclusiva, che non ammette al suo interno nessuna forma di pluralismo. Se vediamo insieme questi due aspetti, da un lato l’in acchimento dello spirito democratico, dall’altro la virulenza dell’ondata leghista, appare allora chiaro che siamo vicini a un punto di rottura, che siamo in una condizione di emergenza. Le forze democratiche non sono vitali, e le forze vitali non sono democratiche: quanto può reggere questo stato di cose? Se non si agisce per tempo, la situazione non può che degenerare, perché la Lega esprime una forza di massa, e la massa, in quanto tale, ha una forza di attrazione, di espansione, e contiene anche un potenziale distruttivo che a un certo punto può essere fatto esplodere. E tutto ciò interagisce con le strutture del pote- re, assecondando la tendenza verso una concentrazione autoritaria, la quale a sua volta opera nel senso della massi cazione della vita collettiva, del suo livellamento, mettendo fuori gioco tutto ciò che si oppone al pensiero domi- nante. Massa e potere, nel momento in cui si incontrano e si fondono l’una nell’altro, divengono un’unica fortissima potenza coercitiva. Il problema su cui interrogarci è quale sia la risposta. Il punto decisivo è che non c’è rispo- sta se non c’è una politica che si muove a largo raggio e che cerca di offrire un punto diapprodo ai molteplici fermenti da cui è attraversata la società. L’antipolitica si può contrastare solo se la politica sa riprendere la sua cen- tralità. Il movimento da fare, quindi, è l’opposto rispetto a tutto ciò che n qui è stato teorizzato: non la ne delle ideologie, ma la capacità di offrire una nuova interpretazione del mondo, non la politica che si ritira e si riduce ad amministrazione, ma all’opposto una politica che si misura con le doman- de fondamentali della vita, e che perciò sa parlare al cuore delle persone.

I grandi partiti di massa, nel passato, hanno svolto questa funzione.
Ma questa è ancora oggi la funzione che dà un senso e una legittimazione alla politica. Se i partiti diventano macchine elettorali, prive di un pensiero e di una visione del futuro, il loro destino è segnato, e saranno altri ad occupa- re lo spazio della comunità. Il declino del partito politico non è un destino, ma è solo l’esito di alcune scelte sconsiderate ed avventate, e ciò vale in par- ticolare per la sinistra, che ha pensato di poter vincere solo camuffandosi, solo con la manovra, liberandosi della sua tradizione come di una zavorra. E ora si trova a fronteggiare con le mani nude, senza un pensiero ricono-

scibile, tutta l’offensiva di destra, che punta a una nuova egemonia cultura- le, ribaltando le stesse basi costituzionali della nostra Repubblica. Occorre quindi un lavoro di ricostruzione, dopo un periodo in cui la sinistra si è dedicata a dilapidare il suo patrimonio. Ricostruire non vuol dire tornare al passato, riproporre ciò che si è esaurito, ma ritrovare un pensiero che sia capace di illuminare il nostro presente. Vuol dire restituire alla politica la sua dimensione. In questa ricostruzione l’aspetto culturale è il necessa- rio punto di partenza, proprio perché le forze con cui dobbiamo misurarci non esitano ad utilizzare tutte le risorse ideologiche disponibili, con grande strumentalità, ma anche con una indubbia capacità comunicativa. In questo scontro, anche la religione viene tirata in mezzo e usata come arma con- tundente. Per questo, io credo che la questione religiosa rappresenti oggi un nodo strategico essenziale, che condiziona tutto il futuro sviluppo della nostra democrazia. La religione può essere inglobata dentro una operazione politica e messa al servizio del blocco conservatore, usata come il cemento ideologico e come la legittimazione di quel blocco. Così è accaduto più volte nella storia millenaria della Chiesa, e ancora una volta può accadere che si stringa un patto di potere, nel quale non c’è più nessun con ne tra ciò che è di Cesare e cio che è di Dio, perché tutto sta insieme in un unico ordi- ne autoritario, dove la sacralità diviene l’attributo del potere. Che molti si stiano muovendo in questa direzione è del tutto evidente: basti ricordare la prima uscita dei presidenti leghisti di Piemonte e Veneto sulla pillola abor- tiva, o la feroce strumentalizzazione del caso Englaro. La Chiesa è vista, in questo caso, come lo strumento di una de nitiva saldatura tra la massa e il potere. A quel punto, i giochi si chiudono e il sistema politico si cristallizza in un vero e proprio regime. È del tutto evidente allora che per le forze di sinistra e democratiche diventa decisivo un diverso e opposto approccio alla questione religiosa, il quale deve essere fondato sul pieno riconoscimento dell’autonomia e del ruolo sociale della Chiesa, nel quadro di un assetto laico delle istituzioni politiche, laico in quanto aperto al confronto intercul- turale. La religiosità deve essere riconosciuta nella sua funzione propria, in quanto forza spirituale e in quanto rete di solidarietà che agisce attivamente nella sfera sociale. Il fatto religioso entra quindi a pieno titolo nel processo democratico, con i suoi valori e con la sua visione della vita, a condizione di stare dentro un processo aperto, dove tutto è sottoposto al vaglio della ve- ri ca democratica, e dove quindi è esclusa ogni forma di fondamentalismo, l’idea cioè che dei fondamenti si debba occupare qualche autorità esterna allo stesso processo democratico.

Si tratta di un’ispirazione coerente con tutta l’elaborazione del Concilio, con l’idea di una Chiesa che sta nel mondo e si confronta con il mondo, e che pensa alla sua missione non più come potenza temporale, ma come forza di evangelizzazione che è messa al servizio dell’integralità della persona uma- na. Come dice Paolo VI nella Populorum progressio: tutto l’uomo e tutti gli uomini. Da questo punto di vista, il Pd rappresenta una grande occasione, e la presenza di una vasta area di cattolici democratici costituisce una risor- sa di straordinario valore. Dimostra che è possibile declinare diversamente tutto il rapporto tra religione e politica, in una logica che si oppone all’in- tegralismo, in uno spirito di laicità che non è un mettere tra parentesi la fede religiosa, ma è il modo per farla frutti care nel rapporto con gli altri. È proprio questa compresenza, in una comune militanza politica, di diverse culture e di diverse credenze la prova vivente di una pratica laica, la quale consiste appunto nel dialogo e nel rispetto reciproco tra le diverse concezio- ni. È un grave errore avvertire questa convivenza come un impaccio, perché

essa è al contrario la ragione fondante del Pd come forza laica e democrati- ca. Si può dire, più in generale, che il nostro obiettivo strategico dovrebbe essere quello di organizzare e di valorizzare il pluralismo, per dar vita a una società articolata e aperta, che non si lascia dominare da un pensiero unico e da un unico dispositivo di potere. Questo è il terreno su cui si decide del nostro futuro.

La destra populista si rivolge a una massa indifferenziata, e tende ad appiat- tirla, a omologarla, perché qualunque forma di potere autoritario ha bisogno di reggersi su una condizione di passività e di conformismo. Massa e potere, appunto, come i due lati di un medesimo processo, il quale si snoda dall’alto verso il basso, secondo una precisa logica gerarchica.

Per questo, l’idea di competere sul medesimo terreno, adottando lo stesso modello di concentrazione del potere e puntando tutte le carte sulle risorse personali di un aspirante leader, è un idea semplicemente grottesca.
Se c’è ancora qualcuno tentato di avventurarsi per questa strada, bisogna sbarrargli subito il cammino. Il nostro obiettivo è la divisione del potere, perché esso altrimenti è destinato a degenerare. E tutta la strategia poli- tica e istituzionale deve quindi avere ben chiara questa bussola. Il nostro problema non è la ricerca di un capo carismatico che possa competere con Berlusconi, ma è piuttosto la messa a regime di un sistema politico che possa nalmente fare a meno dei capi carismatici. E quelli di sinistra, lo dimo- stra tutta la storia, non sono meno pericolosi. Sul piano sociale occorre che contro la massi cazione si sviluppi una strategia che abbia il suo punto di forza nella rete delle rappresentanze. Non c’è una generica ‘società civile’, ma un’articolazione di interessi, di obiettivi, di organizzazioni, con cui la politica deve sapere entrare in una comunicazione attiva. Mettere al primo posto il lavoro, ad esempio, non può ridursi a una affermazione identitaria, pur importante, ma implica una pratica sociale, attraverso un’interlocuzio- ne sistematica con i diversi soggetti in cui si articola la rappresentanza del lavoro, a partire dalle grandi confederazioni sindacali. Un partito politico si de nisce anche così, per le sue relazioni, per i suoi interlocutori privilegiati, per le sue alleanze. E, nella prospettiva di una società plurale, questo non è un dettaglio, perché da questo dipende l’idea che abbiamo della società e del rapporto tra società e politica.

Il principio di autonomia è il concetto chiave. All’idea di un comando della politica sulla società si sostituisce così l’idea di un sistema di relazioni, tra soggetti autonomi, che realizza un continuo movimento di passaggio dal so- ciale al politico, senza che vi sia mai un unico centro di decisione. La politica è il lavoro di mediazione tra i soggetti, è ciò che tiene insieme il sistema, non con la trasmissione gerarchica del comando, ma con il metodo del confronto e del coinvolgimento democratico. È solo a questa condizione che i sogget- ti sociali possono sfuggire alla logica corporativa e possono concorrere alle scelte generali, assumendo così una posizione di responsabilità. È un princi- pio che è entrato anche nella nostra Costituzione,nel nome della sussidiarie- tà, con la quale si riconosce la pluralità dei soggetti che possono concorrere al bene comune. Si è appena concluso il congresso della Cgil, e da tutta la discussione risulta molto chiaro che il sindacato ha bisogno non di nuovi collateralismi, ma di una cornice politica che sia funzionale allo sviluppo dell’azione contrattuale, e quindi di un progetto economico e sociale che sia in grado di offrire un punto di riferimento positivo per le rivendicazioni dei lavoratori e dei pensionati. La stessa unità sindacale, oggi in una situazione di sofferenza, può ritrovare respiro se c’è una politica che mette in campo la proposta di un diverso modello di sviluppo, superando i dogmi del pensiero

liberista dominante. Azione sindacale e azione politica restano comunque due movimenti tra loro del tutto autonomi, ma per una forza di sinistra la capacità di una relazione positiva col movimento sindacale è un banco di prova decisivo. In questo senso, mettere al primo posto il lavoro è davvero lo spartiacque su cui si misurano tutte le prospettive della sinistra.

Anche in altri campi, nelle politiche di welfare, nell’informazione, nella giu- stizia, c’è bisogno di un partito che non punti sull’autosuf cienza, ma che si proponga di essere il punto di sintesi e di mediazione, in un rapporto costante con le diverse competenze e con le diverse organizzazioni socia- li. La nuova segreteria di Bersani ha cercato di imprimere un nuovo corso all’azione politica del Pd, con meno retorica, con meno gesti plateali, e con più concretezza.

Penso che sia la strada giusta, ma essa è appena iniziata, e sono molti, troppi, i retori che storcono il naso, gli adoratori del «nuovo», per i quali tutti i di- scorsi sul lavoro, sul sociale, sugli interessi, sono solo i relitti del Novecento. Consiglierei a Bersani di procedere con la massima determinazione, per co- struire un partito di cui si possa dire che conosce ciò di cui parla, e che parla della vita reale delle persone. Per questo, per dare un senso e una visibilità a questo indirizzo politico, non possiamo per l’ennesima volta farci incastrare nell’in nita e inconcludente discussione sulle riforme istituzionali.

Non è affatto vero che questa è la priorità. Ed è vero piuttosto che tutti quelli che ne parlano pensano, in sostanza, a un restringimento degli spazi democratici, pensano a una governabilità che richiede sempli cazione, pro- cedure decisionali più veloci, meno controlli, meno attenzione al pluralismo delle posizioni politiche. È una partita truccata, il cui esito è già scritto. Que- sta non può essere l’agenda politica del Pd. Dobbiamo tentare di rovesciare l’ordine delle priorità, ed entrare in comunicazione con il Paese reale, che fa i conti con la crisi e che si interroga sul proprio futuro.

© 2017 by Associazione Culturale Inschibboleth

Sassari - Roma  -  Cf.: 02464710900
 

info@inschibboleth.org

  • w-facebook
  • Twitter Clean
  • White YouTube Icon