Fede e democrazia, il modello americano e la sua incompiutezza

di Anna Maria Nieddu

A seguito di una campagna elettorale che ha emozionato il mondo, l’elezione di Barack Obama è stata letta diffusamente come una nuova attestazione della possibilità e, insieme, della irrinunciabilità di un legame inscindibile tra fede e democrazia. Un connubio che costituisce la componente essenziale di ogni progetto politico proiettato in un futuro di civiltà ancora tutta da costruire e – proprio per questo suo particolare carattere - sempre perfettibile. Al di là delle scelte specifiche che, a meno di un anno dal suo insediamento, mettono oggi in crisi il mito superomistico creatosi intorno alla leadership di Obama, il senso stesso della sua elezione ha sortito, nel momento, l’effetto di produrre un drastico risveglio dal torpore indotto da quella certezza di incarnare un modello compiutoe perfetto di democrazia propagandata nel corso dei due mandati presidenziali di George W. Bush. Questo iniziale risveglio rischia ora, gradualmente ma inesorabilmente, di trasformarsi in riassopimento e in una ancor più drammatica rassegnazione all’indifferenza se le attuali difficoltà, materiali e fattuali, della presidenza Obama inducessero a riassorbire il trauma prodotto dal significato originario e, a suo modo, rivoluzionario dell’ascesa alla Casa Bianca di un presidente afro-americano, e non semplicemente in quanto afro-americano. 

Sul piano culturale, i valori intorno ai quali negli Stati Uniti si è andato costituendo l’ideale democratico rinviano a una tradizione di pensiero che affonda le sue radici nel cosiddetto Rinascimento americano. Dapprima all’interno dei circoli trascendentalisti del New England, successivamente all’interno del pragmatismo, la questione di una democrazia sempre incompiuta e perfettibile è stata posta in vario modo al centro di una riflessione filosofica intesa in prima istanza come impegno civile. Intorno alla radicale messa in questione del rapporto del Nuovo mondo in costruzione con le «vecchie Muse europee», si è sviluppata, come è noto, una temperie culturale che ha poi trovato attenti interlocutori in molte altre situazioni politiche, accomunabili fra loro soltanto sulla base della ricerca di rinnovamento e dell’esigenza di costituire nuove tensioni ideali e valoriali. Tra queste situazioni, in un orizzonte segnato da forti conflittualità ideologiche, si colloca anche quella dell’Italia della ricostruzione post-bellica e post-fascista, all’interno della quale il confronto con gli Stati Uniti d’America ha mantenuto sempre, nel bene e nel male, il posto centrale. Se dunque - certo non in assoluto, ma a partire da questo sfondo storico di riferimento - non possiamo non dirci tutti un po’ «americani», possiamo, invece, pensare risolto il problema circa il modo di relazionarci con una realtà così abissalmente diversa dalla nostra come quella degli Stati Uniti? I tentativi maldestri di assumerne a vario titolo ‘il modello’, perseguiti sotto ben diverse bandiere e nei più svariati campi dell’agire politico o, più vagamente, sociale hanno alle spalle la necessaria consapevolezza? Oppure esprimono meri stereotipi culturali riadattati in chiave post-ideologica? 

Ciò che colpisce nella gran parte degli aspiranti importatori di questo modello sono, in primo luogo, le semplificazioni, che male si addicono a un quadro di riferimento così complesso. Opportunamente, Ermanno Bencivenga avverte gli incauti estimatori à outrance del cosiddetto ‘modello americano’ che gli Stati Uniti corrispondono, quanto meno, a due opposte realtà. Sarebbe infatti più opportuno parlare non di una ma di «due Americhe», senza riferirsi alla divisione geografica del continente ma a quella messa in atto sul piano sociale e culturale dalle nuove classi nelle quali si divide la cittadinanza statunitense: la classe sociale che discende dai grandi imperi economici e dai suoi referenti politici – autoritaria e repressiva - e quella che proviene da generazioni di immigrati, che lottano per cambiare il proprio destino e per raggiungere una piena democrazia. Al di là dei rilievi che, sotto alcuni aspetti, la lettura in bianco e nero degli Stati Uniti di Bencivenga suscita, emerge sullo sfondo una correlazione di ordine filosofico di più rilevante spessore che ritengo meriti attenta considerazione e riflessione proprio per le incisive ricadute che da essa possono provenire e che concernono la possibilità stessa di una diversa lettura del ‘modello democratico’ americano. Una lettura che rinvii al senso e al metodo di una esperienza storica unica, non prevedendo improponibili importazioni di contenuto. 

In quella che, in parte per vocazione e in parte per necessità, si presenta come una società costituitasi fin dal suo nascere su base multietnica, multireligiosa e multiculturale l’ambiziosa ‘scommessa illuministica’ dei Padri fondatori si è nutrita attraverso una mai sopita fonte kantiana dei principi etico-politici che – pur non senza contraddizioni, frutto dell’umana fallibilità - hanno costituito il fondamento culturale e politico della sua costituzione federalista. Una costituzione che – vale la pena ricordarlo – destò, a sua volta, l’ammirazione dell’ultimo Kant, come attesta un autorevole riscontro di Giuliano Marini. Nel territorio americano la società si è di fatto costituita alle origini come percorso di socializzazione tra diversi. In questo modo, da un peculiare, e inedito, connubio tra pluralità di fedi religiose e fede democratica è nato il fenomeno unico nel suo genere della religione civile; una religione universalistica e pluralistica al tempo stesso che costituisce ancora oggi – nonostante le profonde incrinature prodotte dall’undici settembre - la malta deputata a tenere insieme un pluralismo valoriale così spinto che difficilmente potrebbe essere retto all’interno di altre situazioni. In questa, come in altre realtà culturali specifiche, le peculiarità della effettualizzazione storica rendono quanto meno semplicistico, e inopportuno, anche il solo proporre una esportazione di modelli sociali e culturali compiuti, astraendoli dalle condizioni peculiari che li hanno posti in essere e che si connotano sulla base del cambiamento e del progresso, in una parola del meliorism. Un modo più avveduto di porsi nei confronti del ‘modello americano’ richiede piuttosto di assumerne il senso e il metodo, rinunciando alle facili soluzioni pronte all’uso, comprese le superfetazioni superomistiche di improbabili leader carismatici. Su questo piano, il principio di ascendenza kantiana della democrazia come ideale normativo, nella cornice della progressiva realizzazione di un processo di pacificazione interna ed esterna ai popoli, è un modello sul quale la riflessione politica non dovrebbe stancarsi di riflettere. Il formalismo etico, anti-contenutistico, sul quale poggia questo principio non genera astrattezza; al contrario, secondo la lezione di Pietro Piovani, esso rappresenta il migliore alleato di uno storicismo avveduto. Gli Stati Uniti, del resto, con i loro umani pregi e difetti offrono la migliore rappresentazione di questa possibile alleanza e le loro divisioni e contraddizioni valgono ad allertarci sulla fragilità delle risultanze di un progetto che non dovrebbe appagarsi della pedissequa imitazione di un modello compiuto, scegliendo piuttosto lo scomodo percorso di una tensionalità infinita verso un progetto ideale.  

Si è detto, credo con buoni motivi, che l’elezione di Obama ha realizzato ancora una volta il sogno americano. E del resto, il 19 gennaio del 2009 molti hanno certamente stentato a credere che l’insediamento alla Casa Bianca proiettato sugli schermi televisivi si svolgesse all’esterno degli Universal Studios. Eppure, anche queste indimenticabili immagini hanno contribuito a scuotere le certezze acriticamente assunte e le ‘comode’ rassegnazioni di quei molti, dentro e fuori gli Stati Uniti. Hanno accelerato la riapertura della riflessione e della discussione critica su quello che molta parte della opinione pubblica del mondo occidentale si ostinava a considerare un modello di democrazia finito e pronto all’uso, avvertendo che il significato stesso del termine ‘democrazia’ era stato sovvertito fin dalle radici nel momento del folle tentativo della sua esportazionemesso in atto dopo la tragedia dell’undici settembre. La vittoria di Obama ha segnato la rivincita di un principio fondamentale che affonda le sue radici nel tessuto stesso della civiltà statunitense: quello dell’incompiutezza irriducibile del progetto democratico e del profondo valore sotteso proprio a questo suo connaturato carattere. Un valore che esige una fede radicata in un «dover essere» verso il quale tendere, pur nella consapevolezza della irraggiungibilità di una sua forma perfetta. Niente a che vedere o a che spartire con qualsivoglia istantanea del momento rappresentata da una sua determinata effettualizzazione storica, sia pure di tutto rispetto. Nessun contenuto definitivo. Nessuna sintesi conciliatrice di opposti in un assoluto pacificato. Nessuna «fine della storia», per dirla con, e contro, Francis Fukuyama. La democrazia americana va accortamente, e preliminarmente, considerata sul piano del suo principio  etico-politico e, insieme, storico. Un principio che ha governato la sua nascita e con il quale essa stessa – almeno nei suoi momenti migliori – sente ancora il dovere di confrontarsi.

© 2017 by Associazione Culturale Inschibboleth

Sassari - Roma  -  Cf.: 02464710900
 

info@inschibboleth.org

  • w-facebook
  • Twitter Clean
  • White YouTube Icon