L’economia di mercato, la globalizzazione e l’impotenza della politica

 

di Elio Matassi

E’ opinione diffusa che il capitalismo abbia trionfato sul socialismo. Ma si tratta di una interpretazione della contemporaneità sostanzialmente fuorviante, perché, in realtà, il trionfo è dovuto in larga misura alla democrazia piuttosto che alla economia di mercato. Qualora il capitalismo, trascendendo la politica, diventasse un sistema ‘totalitario’, come di fatto sta avvenendo negli ultimi dieci anni con le ricorrenti crisi finanziario-sistemiche, rischierebbe di crollare a sua volta, in quanto in nessun ciclo della nostra storia recente – eccezion fatta per il periodo degli anni Trenta – le disfunzioni dell’economia provocate dal capitalismo globale sono state tanto gravi quanto lo sono oggi: disoccupazione crescente, crescita esponenziale dell’illegalità e povertà nei paesi sviluppati, miseria insostenibile in molti paesi in via di sviluppo, incremento delle diseguaglianze di reddito procapite tra i paesi. 

Il capitalismo globale sta di fatto provocando un’alterazione profonda degli equilibri internazionali con effetti devastanti sulla sostanza stessa della democrazia.

E’ doveroso precisare che ogni sistema economico non può aspirare a rappresentare immediatamente – direttamente il sistema politico; l’economia di mercato no può esprimere, senza mediazione e controlli, un principio di democrazia e che, pertanto, entro quest’ottica peculiare, possono sussistere solo sistemi ‘spurii’. Esistono ‘democrazie di mercato’ ma non ‘economie di mercato’. Si tratta di una differenza rilevante che tiene nel debito conto i due contrapposti poli di riferimento che governano o che dovrebbero governare la totalità sociale. 

Da un lato, il mercato esprime una vocazione individualistica, dall’altro, la democrazia, costruita sul principio del suffragio universale, esprime quella opposta. Una contraddizione che era stata percepita fin dalle origini dalla teoria politica della Grecia antica. Soltanto la ricerca di un equilibrio tra queste due vocazioni contrapposte potrà continuare a far vivere degnamente la democrazia. Qualsiasi lacerazione di tale equilibrio non può che risultare devastante per la costruzione di un autentico assetto democratico.

All’interno di tale campo di tensione, tuttavia, deve rimanere fermo quale quadro di riferimento valoriale la priorità della democrazia sull’economia di mercato, in altri termini, il principio economico dovrà essere subordinato alla democrazia e non viceversa.

La democrazia non può, infatti, essere considerata alla stregua di un semplice sistema politico, rappresentando anche e soprattutto un sistema di valori, mentre l’economia di mercato è semplicemente uno strumento che può risultare compatibile con essa ma che, estremizzandosi, potrà diventare anche incompatibile, come stanno dimostrando gli eventi degli ultimi anni. 

Un tale quadro analitico, per quanto elementare, consente di rimettere in discussione due questioni strettamente interconnesse e molto dibattute nella contemporaneità: l’economia di mercato e la globalizzazione, dove la prima è il motore della seconda. 

La storia degli ultimi trent’anni può essere ricostruita in maniera plausibile con una suggestiva allegoria di Jean – Paul Fitoussi, politologo ed economista che insegna all’Institute d’Etudes politiques di Parigi, di cui presiede il consiglio scientifico: “Alla vigilia della globalizzazione, le popolazioni europee si riuniscono in una stanza; al suo interno si colgono differenze di ricchezza, di reddito e di classi sociali; ma quali che siano le difficoltà della vita quotidiana, ciascuno è socialmente integrato, ciascuno possiede un impiego e prevede un aumento del proprio reddito lungo il corso della sua esistenza; ciascuno, infine, è certo che i propri figli avranno un futuro migliore. Nell’arco di una sola notte, ecco la globalizzazione. Il giorno dopo, le stesse persone – esattamente le stesse – si ritrovano nella medesima stanza; alcune, in un numero esiguo si sono considerevolmente arricchite; altre, un numero più elevato, hanno guadagnato molta sicurezza, sono più scaltre perché hanno applicato il dogma che i primi hanno loro ordinato di predicare: ‘Non ci sono alternative’. Una parte non trascurabile della classe media ha perduto molto e piange per il proprio avvenire e per i propri figli. Una minoranza consistente è disoccupata o ridotta in povertà. Allora i vincitori dicono ai vinti: ‘Siamo sinceramente desolati della sorte che vi è toccata, ma le leggi della globalizzazione sono spietate, e bisogna che vi adattiate rinunciando alle protezioni che vi restano. Se volete che l’economia europea continui a crescere, è necessario che accettiate una precarietà maggiore. Questo è il contratto sociale del futuro, quello che ci farà ritrovare la strada del dinamismo’”. 

L’allegoria di Fitoussi rappresenta compiutamente il programma – progetto politico dell’attuale blocco neopopulista, che governa il nostro paese, un programma – progetto inaccettabile proprio sul piano della democrazia stessa. Si tratta di un’allegoria molto efficace che fa apparire la globalizzazione per ciò che essa è realmente: un alibi, un discorso puramente retorico. I vincitori, sapendo che i dadi del destino sono caduti a loro favore, non vogliono più partecipare al sistema di protezione sociale. Si tratta della stessa situazione in cui l’Europa e il mondo intero sembrano essere caduti in una deriva senza ritorno. 

In Italia questi tratti comuni si presentano ancor più radicalizzati: il duplice trionfo dell’individualismo è del mercato privo di regole finisce con il limitare le ambizioni redistributive della società (la resistenza del contribuente) e quelle interventiste del governo.

La tutela fine a se stessa del mercato, l’inasprimento degli obblighi imposti ai governi nazionali, la riduzione progressiva delle pretese redistributive dei governi sono tutti aspetti che stanno modificando in profondità ‘il sistema di equità’ delle nostre società mediante il ritorno ad un principio ultraliberista che entra in collisione con la stessa democrazia, indebolendone struttura e finalità. 

Il processo di globalizzazione, concepito nella sua irreversibilità priva di regole, rovescia quel principio di equità su cui era stata finora fondata la democrazia: prima, la democrazia e, solo in secondo luogo, il mercato; in questo caso vi è un autentico rovesciamento prospettico che accresce il ruolo del mercato,  svilendo quello della democrazia, un fenomeno che attraversa ormai in profondità l’Europa e che coinvolge in maniera particolare la situazione del nostro paese, un fenomeno che ricade sotto la formula, ‘impotenza della politica’, descrivendo compiutamente in tutta la sua regressività la presunta stagione politica del blocco neopopulista. Il mutamento radicale del principio di equità non deriva, infatti, da una decisione politica ma da una costrizione esterna imposta alla democrazia in nome di un’efficacia solo presunta. In tal modo l’attuale blocco neopopulista, oggi al potere, rovescia il principio – sistema di equità, collocando al primo posto il mercato e solo, al secondo, la democrazia. Sembra ormai scontata l’equazione: se la globalizzazione genera vincitori e vinti, non si ha altra scelta se non quella di premiare i vincitori con un ulteriore sovrappiù, un premio supplementare che i perdenti devono loro. Il che dimostra in maniera inequivoca come la globalizzazione, interpretata quale principio trascendentale di organizzazione, entri in rotta di collisione con il fondamento stesso della democrazia.

Questa diagnosi cerca di entrare nel merito di quello che sta accadendo nel nostro sistema economico e delle risposte o, meglio, non – risposte che l’attuale blocco neopopulista sta proponendo.

La distruzione ormai sistematica con cui si sta legiferando contro il pubblico: università, scuola, magistratura è ormai giunta ad un punto di non ritorno; di contro, il crescente tasso di evasione fiscale che pesa sul nostro paese e che si aggrava giorno dopo giorno in maniera esponenziale, lungi dall’essere colpito e ridimensionato, viene addirittura incoraggiato. La politica economica del blocco neopopulista, per arrestare questa emorragia e creare nuovo dinamismo, ha scelto come soluzione quella di abbassare le imposte pagate sui redditi elevati, rafforzando ulteriormente le diseguaglianze e distruggendo in maniera definitiva l’idea stessa della democrazia. 

E’ indispensabile rimuovere il discorso retorico di legittimazione di un capitalismo liberista e dominante che considera democrazia e politica come ostacoli per lo sviluppo, in netta contrapposizione con i fatti. Quest’ideologia, più mercantilistica che non globale, ha ormai pervaso nel profondo le linee – guida dell’azione politica nostrana.

Il blocco neopopulista, al cui interno cominciano a verificarsi le prime crepe, sta di fatto minando progressivamente la democrazia; stiamo entrando progressivamente in una forma di democrazia sempre più autoritaria o, meglio ancora, come suggerisce qualcuno, in una fase caratterizzabile dalla formula, tutt’altro che paradossale,  ‘democrazia senza democrazia’. 

Fanno pertanto sorridere dichiarazioni come quelle argomentate da Francis Fukuyama sulla democrazia liberale: “la democrazia liberale potrebbe, a lungo andare, venire sovvertita internamente sia da un eccesso di megalotimia che da un eccesso di isotimia, cioè dal desiderio fanatico di un riconoscimento paritario. A mio parere sarà la prima che alla fine costituirà la maggiore minaccia per la democrazia. Una civiltà che indulge ad un’isotimia sfrenata, che cerca fanaticamente di eliminare ogni manifestazione di riconoscimento ineguale, si troverà ben presto a fare i conti con i limiti imposti dalla natura stessa”. L’esaltazione conseguente dell’attività imprenditoriale, “una forma regolata e sublimata di megalotimia”, in quanto spinge un produttore a far meglio dei suoi rivali – competitori, contestualizzata in un ambito psicologico – individuale non riesce a restituire quello che sta accadendo realmente nella contemporaneità; si tratta di un’analisi, molto ‘datata’ che non approfondisce il versante del supercapitalismo finanziario, della sua onnipotenza, della sua capacità onnivora di impadronirsi dei mercati e di snaturarne il normale svolgimento. Quando F. Fukuyama afferma, “Il fatto che le nature più dotate ambiziose tendano a darsi agli affari anziché alla vita politica e alle carriere militari, universitarie o ecclesiastica fa parte del progetto stesso dei paesi capitalistici democratici come gli Stati Uniti”, non riesce a rendersi conto che è venuto il momento di una pausa di riflessione e che il progetto di un’attività imprenditoriale fine a se stessa, incontrollata, è un progetto che può condurre, come di fatto sta avvenendo dinnanzi ai nostri occhi, non allo sviluppo ma alla graduale consunzione della democrazia.                     

Home

© 2017 by Associazione Culturale Inschibboleth

Sassari - Roma  -  Cf.: 02464710900
 

info@inschibboleth.org

  • w-facebook
  • Twitter Clean
  • White YouTube Icon