copertina di Simonetta Sanna

Simonetta Sanna


Protagonisti

Simonetta Sanna
Si laurea a Pisa con una tesi sulla novellistica di Thomas Mann conseguendo la votazione di 110 e lode. A.A. 1976-1977 Assistente di Filologia germanica presso l’Università degli Studi di Cagliari; A.A. 1977-1986 Professore incaricato di Lingua e Letteratura tedesca; A.A. 1986-1994 Professore associato; A.A. 1995 Professore ordinario di Lingua e Letteratura Tedesca/Letteratura tedesca presso l’Università degli Studi di Sassari.

Attività amministrativa

1997-2004
È Preside della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere. In qualità di Preside ha, tra l’altro: – allestito la nuova sede di via Roma, 151, e il Dipartimento di Scienze dei Linguaggi;
– proposto e coordinato il dottorato di ricerca in Teorie e pratiche della comunicazione e della interculturalità cofinanziato dalla Comunità Europea;
– organizzato l’Operazione Dialogo per i tirocini aziendali in collaborazione con 474 aziende del territorio. Quale componente del Senato accademico ha presieduto numerose commissioni, tra cui la commissione di elaborazione e stesura del Regolamento di Ateneo.

1996-2004
È Direttore del Centro Linguistico di Ateneo (CLA) dell’Università degli Studi di Sassari, conseguendo il finanziamento europeo dei seguenti progetti:
– Misura comunitaria P.O. 1994/99 “Ricerca, Sviluppo Tecnologico ed Alta Formazione”
– Misura 1.2 “Infrastrutture per la formazione universitaria” Centri Linguistici di Ateneo, che ha consentito l’allestimento del Centro, dotato di 146 postazioni studenti nei Laboratorio linguistici multimediali a tecnologia digitale, di laboratori di auto-apprendimento e di produzione, nonché di una ricca biblioteca multimediale specializzata, finanziata dalla UE;
– Misura comunitaria Programma operativo 1994/99 “Ricerca, Sviluppo Tecnologico ed Alta Formazione” Sottoprogramma I
– Misura 1 “Alta Formazione”, che è stata destinato all’organizzazione nel 2001 di corsi di lingua inglese a scopi comunicativi rivolti agli studenti, agli specializzandi, al personale docente e tecnico-amministrativo dell’Ateneo;
– PON 2000 / 2006, “Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione” / Misura II.2 “Società dell’Informazione per il Sistema Scientifico Meridionale” – uno degli otto progetti finanziati in Italia – che ha permesso di allestire cinque poli periferici nel territorio cittadino e quattro laboratori dislocati presso le 2 sedi regionali di Nuoro, Olbia, Oristano e Alghero. Inoltre, la razionalizzazione del sistema organizzativo e l’elaborazione di un Progetto didattico complessivo ha adeguato l’offerta didattica al Quadro di riferimento europeo per le Lingue, consentendo di certificare gli esami di lingua e i test d’ingresso di lingua straniera per gli studenti delle undici Facoltà, di organizzare corsi intensivi di lingua straniera per gli studenti Socrates e corsi di inglese generale per il territorio. I lettori, afferenti al CLA, sono stati destinatari di numerosi seminari di aggiornamento professionale. Quale Direttore del CLA ha avviato numerosi rapporti di collaborazione con il territorio, fra cui con la Regione Autonoma della Sardegna, la Confcommercio, il CNR e altri enti territoriali. In ambito internazionale, ha stipulato un protocollo d’intesa con la Generalitat de Catalunya e con il DAAD della Repubblica Federale di Germania. Il CLA ha inoltre partecipato al Programma di intervento contro l’abbandono e la dispersione scolastica (L.R. 24.12.98 n. 37 art. 23), provvedendo all’organizzazione di corsi di lingua inglese, francese, tedesca per gli insegnanti e gli studenti della scuola di tutti gli ordini della provincia di Sassari. Nel 2003 il CLA ha conseguito l’accreditamento da parte della Regione Sardegna, Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale, quale sede formativa riconosciuta idonea ai sensi della delibera G.R. del 25.02.2003, N. 6/26 – D.M. n. 166/2001.

2004-2007
È eletta Presidente dell’Associazione dei germanisti italiani (AIG), che riunisce gli assegnisti, i dottori di ricerca, i docenti, i professori e gli studiosi di Lingua e Letteratura tedesca delle università italiane. In qualità di Presidente dell’AIG ha partecipato a commissioni europee, organizzato convegni nazionali e internazionali e curato la pubblicazione degli Atti.

2004-2009
È consigliere regionale della XIII Legislatura, componente della Commissione Politiche comunitarie, della Commissione Cultura e della Commissione di vigilanza per la Biblioteca del Consiglio.

2009-2010
È delegato rettorale per i rapporti con la Regione Autonoma della Sardegna.
2010- È eletta nel Comitato di indirizzo della Fondazione Banco di Sardegna.

2011-2014
È direttore del Centro Linguistico di Ateneo e responsabile del “Progetto P.O.R FSE 2007-2013 / Potenziamento Centri Linguistici di Ateneo”, che ha consentito di organizzare più di 400 corsi di lingue straniere per il territorio. I corsi, svoltisi nelle sedi di Sassari, Alghero, Olbia, Oristano e Nuoro, hanno coinvolto più di 5000 partecipanti.

2012-2014
Sulla base di criteri legati al merito scientifico e all’esperienza di valutazione, è nominata dall’ANVUR Esperto della Valutazione (GEV) per l’area 10 / Scienze dell’antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche.

2014-2017
È eletta nel Consiglio di amministrazione della Fondazione Banco di Sardegna. 3 2014-2017 È nominata dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Presidente dell’Accademia di belle arti “Mario Sironi” di Sassari per il triennio 2014 – 2017.

Attività scientifica

1990 – 2004
Fa parte del comitato scientifico della Zeitschrift fur Germanistik (Humboldt Universität, Berlin) in cui ha svolto, come nel Lessing Yearbook (Cincinnati, USA), una vasta attività editoriale. È membro di associazioni di studi internazionali, tra cui la Anna-SeghersGesellschaft, Grimmelshausen-Gesellschaft, Lessing-society, Knorr von Rosenroth-Gesellschaft, la DGE 18 Jh., Alfred-Döblin-Gesellschaft.

1977 a oggi
Ha tenuto seminari e conferenze in numerose università italiane ed estere, tra queste ultime la Humboldt-Universität zu Berlin, la Johann Wolfgang von Goethe Universität di Frankfurt/Main, le Università di Karlsruhe, Köln, Padeborn, Leipzig, Freiburg, Potsdam, Darmstadt, Hildesheim, Budapest, Istanbul e Buenos Aires.

1977 a oggi
Ha pubblicato in riviste internazionali e presso prestigiose case editrici di lingua tedesca un nutrito numero di saggi e monografie sul Settecento tedesco e il teatro di G. E. Lessing, il teatro di G. Büchner, la letteratura degli anni ’20 e in particolare l’opera di A. Döblin, R. M. Rilke e Franz Kafka, la letteratura moderna e contemporanea (Th. Mann, A. Seghers, H. Müller. G. Kunert, U. Timm, F. C. Delius, M. Sperr, e.a.), la rappresentazione della follia nella letteratura tedesca, la letteratura ermetica e le immagini letterarie, nonché alcuni volumi sulla cultura, la storia e la società della Sardegna.

Monografie
– Le coordinate del tempo e dello spazio in “Der Tod in Venedig” di Thomas Mann. Cagliari: Edes, 1977.

– “Minna von Barnhelm” di G. E. Lessing. Analisi del testo teatrale. Pisa: Pacini, 1983.

– Lessings “Emilia Galotti”. Die Figuren des Dramas im Spannungsfeld von Moral und Politik. Tübingen: Niemeyer, 1988.

– Lessings “Minna von Barnhelm” im Gegenlicht. Glück und Unglück der Soldaten. Bern, Berlin, Frankfurt a. M., New York, Paris, Wien: Lang, 1994.

– Von der ratio zur Weisheit. Drei Studien zu Lessing. Bielefeld: Aisthesis Verlag, 1999.

– Die Quadratur des Kreises. Stadt und Wahnsinn in “Berlin Alexanderplatz” von Alfred Döblin. Bern, Berlin, Frankfurt a. M., New York, Paris, Wien: Lang, 2000.

– Selbststerben und Ganzwerdung. Alfred Döblins große Romane. Bern, Berlin, Frankfurt a. M., New York, Paris, Wien: Lang, 2003.

– Die andere Revolution. Dantons Tod von Georg Büchner und die Suche nach friedlicheren Alternativen. München: Fink, 2010.

– L’altra rivoluzione. La morte di Danton di Georg Büchner e la ricerca di più pacifiche alternative. Roma: Carocci, 2010.

– Franz Kafka. Roma: Istituto di Studi Germanici, 2013.

– Caragoli (1832) di Otto Ferdinand Dubislav von Pirch. Un ufficiale prussiano a Venezia. Venezia: Marsilio 2014.