copertina di Nadia Fusini

Nadia Fusini


Protagonisti

Insegna Letteratura Inglese e Letterature Comparate presso la Scuola Normale Superiore, dopo aver insegnato Critica e Filologia Shakespeariana per anni all’Università La Sapienza di Roma.

Ha tradotto e commentato molti grandi autori, tra cui Virginia Woolf (Premio Mondello 1995 per la traduzione di Le onde), John Keats, Shakespeare, Samuel Beckett, Mary Shelley, Wallace Stevens (Premio Achille Marazza 1996 per la traduzione di Aurora d’autunno). Tra gli importanti studi dedicati a Virginia Woolf, si segnalano in particolare le Opere nell’ edizione Meridiani Mondadori (1998) e Possiedo la mia anima. Il segreto di Virginia Woolf (Mondadori 2006), tradotto in varie lingue.

Sull’identità e il femminile si ricordano: La luminosa. Genealogia di Fedra (Feltrinelli 1988); Uomini e donne. Una fratellanza inquieta (Donzelli 1995); Nomi. Dieci scritture femminili (Donzelli 1996); Donne fatali. Ofelia, Desdemona, Cleopatra (Bulzoni 2005).

Della sua fortunata produzione narrativa: La bocca più di tutto mi piaceva (Donzelli 1996 e Mondadori 2004); Lo specchio di Elisabetta (Mondadori 2004); Possiedo la mia anima. Il segreto di Virginia Woolf (Mondadori 2006); L’amore necessario (Mondadori 2008).

Sempre per Mondadori ha pubblicato nel 2010 Di vita si muore. Lo spettacolo delle passioni nel teatro di Shakespeare. Per Einaudi, Hannah e le altre (2013) e Vivere nella Tempesta (2016).